Crea sito

WritersEditor Official Store

L’AMORE BUGIARDO: ogni storia ha due facce

Benvenuti in una nuova puntata della rubrica “Ciak si legge”.

Oggi ho deciso di recensire un bel thriller psicologico, di quelli che piacciono a me.

Il libro in questione è “L’amore bugiardo” dal quale poi è stato tratto un film nel 2014 che vede protagonisti Ben Affleck e Rosamund Pike.

Il libro                            

Nick e Amy si incontrano ad una festa, lavorano entrambi nel campo dell’editoria e tra loro è subito amore. Si sposano ed il loro matrimonio è sereno, sono innamorati. Ma dopo qualche anno cambia tutto. Si trasferiscono in Missouri, la città natale di Nick in modo che lui possa stare accanto alla madre malata.

I due perdono il lavoro. Nick trova lavoro in un bar con la sorella Margo mentre Amy si adatta alla sua posizione da casalinga.

Tutto precipita ancor di più nel giorno del loro quinto anniversario di matrimonio.

Amy scompare. Tracce di sangue di sangue vengono trovate nel salotto. A dare l’allarme è Nick.

Man mano che l’indagine della polizia prosegue per scoprire che fine abbia fatto Amy, vengono a galla segreti di questa coppia apparentemente perfetta.

L’aspetto psicologico è quello che rende più interessante il racconto.

La struttura del romanzo è originale. Si alternano i racconti in prima persona di Nick e quelli di Amy, della quale viene trovato anche il diario. In questo modo conosciamo cosa è successo prima e cosa succede dopo.

L’autrice del romanzo, Gillian Flynn, utilizza molto l’ambiguità, gioca con le parole, con la trama, con i dialoghi, così si è portati a dubitare e a non avere fino in fondo un’idea chiara e precisa di quello che sta accadendo nella storia. Chi è il vero colpevole?

La storia evolve, passo dopo passo, non mancano i colpi di scena ed un finale inaspettato!

L’amore bugiardo è un libro che va assaporato pagina per pagina, e che cattura completamente l’attenzione del lettore.

Assolutamente da leggere se si amano i thriller psicologici.

“Mi hanno sempre detto che l’amore dovrebbe essere incondizionato, così è la regola. Ma se l’amore non ha confini, né limiti, né condizioni, perché uno dovrebbe sforzarsi di comportarsi bene? Se io so di essere amata qualunque cosa accada, che gusto c’è?”

Il film

L’amore bugiardo-Gone girl è un film del 2014 diretto da David Fincher con protagonisti Ben Affleck e Rosamund Pike.

Il film è stato prodotto con un budget di 61 milioni di dollari.

Il film ha incassato al botteghino più di 369 milioni di dollari, di cui quasi 168 in patria e più di 201 all’estero.

Nei 150 minuti di durata del film non ci annoia mai, non si cade mai nella banalità, si prova ansia e tensione.

La sceneggiatura è ben fatta, fila bene e non ci sono buchi.

I dialoghi risultano chiari e concisi non sono messi a caso.

Tutta la storia viene raccontata attraverso un montaggio eccellente dove anche nei salti tra Amy e l’indagine si riesce comunque a mantenere l’attenzione dello spettatore senza annoiarsi e senza perdersi tra un passaggio e l’altro.

L’interpretazione degli attori è ottima, gli attori sono adatti al ruolo che interpretano e si calano perfettamente nella parte.

Bel Affleck è abile nel trasmettere ingenuità e infantilismo al suo personaggio, Rosamund Pike è sublime nella sua sensuale bellezza.

Curiosità

  1. David Fincher ha dichiarato di aver scelto Rosamund Pike per il ruolo di Amy perché l’attrice aveva un aspetto tale da comprenderne l’età reale. Poteva quindi passare facilmente da una donna più giovane ad una più vecchia.
  2. David Fincher quando deve scegliere il cast per un film è solito guardare le foto degli attori per trovare quello più adatto. Quando si è trovato davanti le foto di Ben Affleck ha notato che in tutte le foto aveva un sorriso particolare, adatto per il personaggio del film.
  3. Nel film Nick è il proprietario di un locale. Quel ristorante è diventato un ristorante reale e si trova proprio nel Missouri.
  4. Nel film si vede il fisico di Ben Affleck alternarsi tra l’atletico e il muscoloso. Questo perché era stato scelto anche per interpretare Batman in “Batman vs Superman.
  5. In una scena Nick e Amy si trovano a parlare di Orgoglio e Pregiudizio. Rosamund Pike aveva interpretato Jane Bennett nell’Orgoglio e Pregiudizio di Joe Wright del 2005.
  6. Nonostante la storia del film sia ambientata in North Carthage, in Missouri, le riprese del film hanno avuto luogo a Cape Girardeau.
  7. Gone Girl mostra anche la proposta di matrimonio che Nick fa ad Amy. Questa scena è stata creata appositamente per il film. Nel libro non solo la scena non c’è, ma non viene dato alcun dettaglio su come Nick abbia chiesto la mano di Amy.

L’ispirazione ad un fatto di cronaca realmente accaduto

Dopo l’uscita del romanzo ci si accorse che la storia raccontata aveva delle analogie con un fatto di cronaca avvenuto in California.

Alla Vigilia di Natale del 2002 Laci Petterson, una supplente all’ottavo mese di gravidanza, esce di casa con il suo cane per fare una passeggiata.

Il giorno dopo il marito, Scott, ne denuncerà la scomparsa.

Iniziare gruppi di ricerca per ritrovare la donna, giorno dopo giorno il sospetto sul marito si faceva sempre più strada.

Si scoprì infatti che aveva una relazione con una massaggiatrice e che stipulò una polizza assicurativa di 250.000 di dollari.

Venne ritrovato il cadavere della moglie, e nel frattempo tra la ricerca e il ritrovamento, il marito Scott cerco di vendere l’auto della moglie e la casa.

Oggi Scott si trova nel braccio della morte nonostante continui a professarsi innocente.

Gillian Flynn ha sempre negato di aver preso ispirazione da questo fatto di cronaca:

«Sicuramente non volevo fare nulla di specifico. Si potrebbero indicare come ispirazione Scott e Laci Peterson – erano sicuramente una coppia di bell’aspetto».

«Ma si tratta sempre di coppie di bell’aspetto. Ecco perché finiscono in tv. Di solito non vedi persone incredibilmente brutte che sono scomparse diventare un’attrazione mediatica».

«Quando ho scritto Gone Girl», ha aggiunto Flynn, «Mi sono concentrata sulla risposta dei media a quel tipo di tragedia. In un certo senso, ne ho decodificato un po’ il comportamento. Che cosa aumenterà il loro interesse e cosa renderà credibile la storia perché i media se ne occupino?».

Segnalini Pamela